12 maggio 2012

Il colibrì - un pensiero stupendo




Chi sta di malavoglia sui banchi pensa di essere l'unico a annojarsi, a guardare il cielo dalla finestra e contare quanto manca alla fine dell'ora.
Si sbaglia: quando la classe è 'pesa', nojosa, mentalmente avvilente, anche l'insegnante si rompe le palle.
Poi finalmente il corso finisce e ti capita una classe nuova,

E magari te ne capita una di quelle dove entri cantando. Di quelle che finita una lezione già non vedi l'ora di tornare.
Di quelle che, avendo studenti adulti, conti quanto manca alla fine del corso per prendere un aperitivo o cenare insieme.

Così 10 giorni fa sono stata a cena con alcuni ex studenti di un corso finito in marzo (in attesa di trovare una data che vada bene per tutti).

Musicisti, artisti, mediatori culturali, viaggiatori...
Belli - coi sorrisi e l'umorismo della Cina, gli occhi sognanti dalla Tailandia, e quelli messicani talmente innamorati da attraversare il pianeta per amore e far venire voglia a tutti di vivere una storia così!

E' raro che mi manchino le parole, ma questa volta è successo. Ok, _dopo_ la cena!  
E la commozione per il regalo inaspettato e stupendo che mi hanno fatto, non la so ancora dire.

E' questo vaso, con inciso a mano, da Sahra per me, un delicato colibrì con uno splendido fiore.
E la dedica, che racconta perché, per loro, questo colibrì mi rappresenta ed esprime quello che in aula hanno colto di me.

A me questo dono dice la delicatezza e la poesia del pensiero di Sahra, Adrian, Claudia, Diana, Tiziano, Jie. E sempre mi ricorderà la fortuna inattesa e preziosa degli incontri e delle affinità elettive con persone che rendono unico e straordinario il mio lavoro. Grazie!!

Annalisa


Il colibrì

Il colibrì è l'espressione di gioia e di amore per la vita.
Sa cogliere e gustare la bellezza dei fiori e l'armonia della natura, ma reagisce con la fuga a ogni vibrazione negativa e disarmonica, poiché è orientato verso l'estetica e la bellezza.

La sua medicina consiste nel dispensare gioia e amore, sia nel contatto con i fiori che in quello con gli uomini e gli animali.
Molte piante sembrano fiorire e crescere per lui, mentre le aiuta a diffondersi spargendo il nettare che raccoglie.
La magia del colibrì è insita nel suo atto di aprire il cuore.
Per questo motivo si fa spesso uso in diverse culture delle sue piume per preparare filtri d'amore.
La sua tecnica di volo è unica tra tutti gli uccelli, giacché è in grado di volare in avanti, a ritroso e anche restando fermo nella stessa posizione.
Questo fatto lo mette in una posizione del tutto speciale: secondo le dottrine degli antichi Maya, infatti, il colibrì appartiene già di diritto alla prossima epoca, quella del quinto mondo.
Questo piccolo uccello delicato non si cura delle cose del mondo, la sua vita è un ininterrotto inno alla gioia.

Uomini dotati della forza del colibrì hanno un'inclinazione del tutto simile: portati all'equilibrio e alla felicità, aiutano volentieri anche gli altri a sviluppare la gioia di vivere e dare il meglio di sé.
Come il colibrì stesso, disprezzano la bruttezza e il cattivo umore, riuscendo sempre a trovare luoghi nei quali la bellezza e l'armonia regnano sovrane.

da Sahra, Diana, Claudia, Jie, Tiziano, Adrian


particolare del colibrì con fiore
inciso da Sahra

NB: la mia imperizia fotografica non rende giustizia alla bellezza del vaso.
Rimedierò presto





1 commento:

Annalisa Dolzan ha detto...

http://www.labottegadellarte.eu/convegno-2012/giuseppe-ferraro.html